maggio 25, 2018

Dall’11 luglio 2016 è attiva la nuova Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Milano nata a seguito della riorganizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ai sensi del Decreto Ministeriale n. 44, del 23 gennaio 2016, art. 1, comma 327, della legge 28 dicembre 2015, n. 208.
La sede è in Palazzo Litta, Corso Magenta, 24 – 20123 Milano, a cui sono da presentarsi le richieste riferite ai beni archeologici, storico-artistici, architettonici e paesaggistici per la città di Milano e i comuni della provincia di Milano.
Vedi elenco comuni

PER SAPERNE DI PIU SULLE NUOVE SOPRINTENDENZE
Clicca per conoscere i recapiti delle nuove Soprintendenze
Per gli utenti – approfondimenti
Le Soprintendenze Archeologia, belle arti e paesaggio in Lombardia
Chiarimento

HOME PAGE DATI SABAP MI corretto


Bacheca

Palazzo Citterio
verso/towards la Grande Brera
Presentazione del libro edito da / Presentation of the book published by Skira

Triennale di Milano
Viale Alemagna, 6
26 maggio/ May 2018
Agorà – h. 10.30

Continua a leggere


BENEDETTINI IN EUROPA
Cultura, Committenze, restauri e nuove funzioni

Presentazione del libro pubblicato da Franco Cosimo Panini Editore

mercoledì 30 maggio 2018
Palazzo Litta, Corso Magenta 24 – Milano
Sala Azzurra – ore 17.00

Continua a leggere


“I bambini nel tempo. Archeologia e antropologia per la storia dell’infanzia”
Mostra a cura di Cristina Cattaneo e Claudia Lambrugo
con la collaborazione di Anna Maria Fedeli e Stefania De Francesco

Milano – Antiquarium “Alda Levi”, via De Amicis 17 – Museo Archeologico, corso Magenta 15
15 maggio – 3 novembre 2018

Continua a leggere


LavoriM4_CaGranda
RASSEGNA STAMPA
Corriere della sera, Milano 22 febbraio 2018
Milano, la scatola di legno che protegge la Statale dalle vibrazioni del cantiere della linea M4
Avanza il cantiere, edificio messo in sicurezza
La Ca’ Granda è impacchettata. E così resterà finché non sarà conclusa la realizzazione della futura stazione del metrò 4. Le impalcature avvolgono interamente i due lati del complesso monumentale che s’affacciano su via Sforza. A protezione dei fregi in cotto usciti dalla fornace Curti e dei capitelli, ieri, sono state poste delle mantovane in legno. Nei prossimi giorni si procederà a inscatolare anche il timpano della facciata.

Continua a leggere


MILANO - Basilica San Lorenzo  foto: Nicola Vaglia

MILANO – Basilica San Lorenzo – foto: Nicola Vaglia

PARTONO I LAVORI DI RESTAURO DELLA CAPPELLA DI SANT’AQUILINO IN SAN LORENZO MAGGIORE
Milano riscopra i suoi tesori
Antonella Ranaldi – Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Milano
Eretta tra la fine del IV e il primo decennio del V secolo fuori dalla cerchia delle mura, non lontano dall’anfiteatro romano, la basilica di San Lorenzo Maggiore è uno dei monumenti più insigni di Milano. Scriveva il vescovo Benzo d’Alba nell’XI secolo in una lettera indirizzata all’imperatore Enrico IV invitandolo a restaurarla: «Non esiste in tutto il mondo una chiesa più bella».
Eppure la percezione della sua bellezza e indubbia importanza risulta appannata dall’aspetto un po’ trascurato e da restauri datati. La Soprintendenza in passato se ne è molto occupata.

Continua a leggere


Min - anfiteatro
Milano 15 gennaio 2018
Nuovi scavi e alberi per far rifiorire l’Anfiteatro romano
Nei prossimi cinque anni gli esperti lavoreranno per ritrovare le eventuali tracce dell’antico edificio, nei pressi dell’attuale via Arena. Piante di alloro, ligustro, mirto, bosso e cipressi daranno l’idea del perimetro. Nuovi scavi archeologici e uno sponsor per l’Anfiteatro romano. Con una determina dirigenziale il Comune ha consegnato l’area alle spalle di via De Amicis alla Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per la Città metropolitana. Un comodato d’uso gratuito di cinque anni, che servirà agli esperti per ritrovare le eventuali tracce dell’Anfiteatro, costruito al di fuori della cortina muraria, non lontano dall’antica porta Ticinensis, nei pressi dell’attuale via Arena. L’area si estende per ventiduemila metri quadrati. E il progetto proposto dalla Soprintendente Antonella Ranaldi.
Continua a leggere


min - RANALDI
Milano 15 gennaio 2018
Grande scoperta archeologica: riaffiora l’antica Basilica di San Dionigi. L’annuncio di Antonella Ranaldi
Avviati gli scavi, ecco affiorare i primi stupefacenti reperti dell’antica e perduta Basilica.
L’Arch. Antonella Ranaldi, Titolare della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Milano, ne dà l’annuncio con un’intervista al Corriere della Sera. Contemporaneamente esprime il desiderio di “voler condividere con gli amici dell’Ambrosiana”, attraverso la Newsletter BAMi, la sua soddisfazione ed emozione. La ringraziamo per questo gesto.

Veneranda Biblioteca Ambrosiana


Min scavo san Dionigi -Ranaldi
Milano
RITROVATA l’ANTICA CHIESA DI SAN DIONIGI PRESSO I BASTIONI DI VIA VENEZIA
Info scavi archeologici della Soprintendenza di Milano
ARCHEO
MILANO. Delle quattro basiliche fondate da Ambrogio, vescovo di Milano dal 374, fuori le mura, tre (San Nazaro, Sant’Ambrogio e San Simpliciano) sono giunte sino a noi. Mancava invece San Dionigi, la basilica di Porta Orientale (oggi Porta Venezia), dedicata da Ambrogio ai Profeti e poi al suo predecessore, Dionigi, già mutilata nel XVI secolo per costruire i bastioni delle Mura spagnole, poi demolita quando, negli anni ’80 del ‘700, l’amministrazione austriaca commissionò a Giuseppe Piermarini i maestosi Giardini Pubblici di porta Venezia.
Grazie a uno scavo condotto dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Città metropolitana di Milano, guidata da Antonella Ranaldi, i resti dell’antica basilica sono ora tornati alla luce.
Continua a leggere
Foto Scavo, Chiesa di San Dionigi – Milano


chiesa di san dionigi milano
Milano – Corriere della sera
Milano, ecco la basilica di San Dionigi riaffiorata dai Giardini Montanelli. Tre tombe, uno scheletro, le antiche mura, una rosa in marmo: sono i primi reperti emersi dallo scavo avviato un mese fa nei Giardini Montanelli, tra i Bastioni e il Museo di Storia naturale. Lo scavo sarà richiuso e si proseguirà con ricerche lungo la muratura. È una rosa in marmo bianco l’ultimo ritrovamento dello scavo archeologico nei giardini Montanelli. Il cantiere aperto dalla Soprintendenza ha chiuso ieri, ad un mese dall’inizio dei lavori di ricerca. Gli scavi hanno portato in luce un’importante porzione delle antiche murature e consentito per la prima volta di «fissare con esattezza la posizione della chiesa», spiega la soprintendente Antonella Ranaldi
Continua a leggere


MIN SAN DIONIGI
Milano,
il mistero della basilica scomparsa:«Indagini sul caso San Dionigi»
Due mesi di lavoro sulle tracce della quarta chiesa voluta da Sant’Ambrogio. Due mesi di scavi ai margini dei Giardini Montanelli, alla ricerca delle tracce dell’antica basilica di San Dionigi. L’obiettivo è di riportare virtualmente in vita la più misteriosa delle quattro chiese fatte erigere da Sant’Ambrogio fuori dalle mura a protezione dell’antica città. L’unica ancora sconosciuta. Il piano della Soprintendenza alle Belle arti della città metropolitana è ambizioso: prevede la realizzazione di piattaforme digitali di «realtà aumentata», che consentano, insieme a segnaletica e pannelli, di divulgare una pagina importante della storia milanese. «Milano è una città moderna ed europea — spiega la Soprintendente Antonella Ranaldi
Continua a leggere


Anfiteatro2
ARTRIBUNE
ANCHE MILANO AVRA’ IL SUO COLOSSEO MA “GREEN”. VIA I LAVORI PER IL NUOVO PARCO URBANO
Un nuovo progetto urbano prevede di recuperare l’area archeologica di Via De Amicis attraverso la costruzione di un parco di 22.000 metri quadri che riproporrà le vestigia dell’antico Anfiteatro romano ridisegnato utilizzando gli alberi. Un progetto ambiziosissimo in una città che è sempre più green………
Continua a leggere


Min anfiteatro
MILANO: DOPO IL GIARDINO DI PIAZZA DEL DUOMO, LA SOPRINTENDENTE RANALDI RILANCIA “UN GIARDINO PER L’ANFITEATRO”
La responsabile dei Beni culturali: “Serve rilanciare il ruolo del verde in città, difendo la possibilità di sperimentare”. L’idea per l’Anfiteatro di via De Amicis, “uno dei più grandi, dopo il Colosseo, ma ancora poco valorizzato”. Serve uno sponsor

Vedi ipotesi di progetto ANTIQUARIUM “ALDA LEVI”-PARCO DELL’ANFITEATRO ROMANO
Occidentali’s green: come cambia il verde a Milano (oltre le palme in piazza Duomo)
Continua a leggere