Programma 500 giovani per la cultura

Il Programma straordinario 500 giovani per la cultura nasce a seguito dell’art. 2 del decreto “Valore cultura” e prevede “l’implementazione di sistemi integrati di conoscenza attraverso la produzione di risorse digitali basate sulla digitalizzazione di immagini e riproduzioni del patrimonio medesimo nelle sue diverse componenti prioritariamente nel Sistema bibliotecario nazionale, nel Sistema archivistico nazionale, nel Sistema generale del catalogo, nel Portale della cultura italiana, anche tramite accordi con le Regioni, le Università, gli Istituti culturali e gli altri enti e istituzioni culturali … Il programma è attuato presso gli istituti e i luoghi della cultura statali sotto la direzione dei titolari degli istituti medesimi..”

In sostanza attraverso le attività di inventariazione, catalogazione e produzione di nuove risorse digitali il programma, (approvato con decreto del Segretario generale del 6 dicembre 2013), propone “la redazione di mostre virtuali e di percorsi tematici a forte vocazione locale e turistico-culturale che valorizzino in maniera integrata, le risorse dislocate sul territorio – anche attraverso i sistemi centrali – consentendone l’accesso a un pubblico multi-target.”
Grande Guerra e processi di pace: i luoghi e i contenuti;

Il progetto è finalizzato a rendere disponibili on-line percorsi culturali attraverso i luoghi e le testimonianze che rappresentano la memoria della Prima guerra mondiale ed è collegato alle varie iniziative sull’evento bellico coordinate dalla struttura di missione della Presidenza del Consiglio dei ministri con il patrocinio della Presidenza della Repubblica.
Inserito all’interno di una vasta rete di iniziative rivolte a celebrare il centenario della prima guerra mondiale, il progetto: Grande Guerra e processi di pace: i luoghi e i contenuti si ricollega al Censimento e catalogazione dei monumenti ai caduti della grande guerra ,iniziativa coordinata dall’ICCD e realizzata sul territorio dalle Soprintendenze;
Con il Programma 500 giovani per la cultura, i tirocinanti svolgeranno temi che, con distinte peculiarità regionali o locali, sono presenti in tutto il territorio italiano e che sono emersi nel corso dei lavori di catalogazione e digitalizzazione del progetto nazionale sopra citato. Si tratta di:

• I Monumenti ei luoghi: la documentazione storica, archivistica e iconografica dei monumenti catalogati.
• Il patrimonio materiale: gli oggetti della guerra presenti nelle collezioni museali: divise, armi di difesa e di attacco, corredi d’ordinanza, oggetti d’uso privati etc. spesso
conservata in musei locali civici e territoriali anche in zone lontane dal fronte.
• L’iconografia del conflitto: la produzione artistica presente nei musei come base per creare percorsi tematici e mostre virtuali relativi alla produzione artistica e di propaganda
sulla Grande Guerra presente nei musei italiani.
• La memoria del territorio: documenti e immagini della Grande Guerra.

Quanto realizzato dai giovani assegnati alla Soprintendenza belle arti e paesaggio di Milano viene reso disponibile sul web con percorsi culturali tematici che presentano i luoghi e le testimonianze a memoria del grande conflitto mondiale.
La guerra sul territorio lombardo e le profonde trasformazioni che ne sono seguite sono oggetto dei percorsi presentati e costituiscono il risultato finale del lavoro dei tirocinanti.

Progetti

Il Cenacolo in divisa di guerra
I monumenti lombardi in divisa da guerra 1915/1918

IL GIARDINO D’ARCADIA A MILANO: TUTELA, PIANIFICAZIONE URBANA E RICOSTRUZIONE

Contattaci

Per ricevere informazioni.

Not readable? Change text. captcha txt