settembre 21, 2018

I giardini della Soprintendenza

Home / Progetti / I giardini della Soprintendenza

I giardini della Soprintendenza

Il giardino di Palazzo Citterio, Milano

Pubblicati i giardini della Soprintendenza realizzati in questi ultimi due anni (2016-2018) nel numero speciale che inaugura la nuova linea editoriale  de “L’Architetto”, rivista del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori diretta da Nicola Di Battista (numero speciale in occasione dell’ottavo Congresso Nazionale del CNAPPC).

Un percorso composto da due episodi intimamente legati tra loro, che guida il lettore attraverso un progetto di paesaggio urbano contemporaneo nel centro di Milano. Il primo Umbracula, alla Triennale(realizzato nel 2016 in occasione della XXI Triennale del design) rinsalda il sodalizio tra natura e spazio antropizzato, mostrando come tramite una precisa metodologia di disegno si possa ottenere armonia tra ambiente e costruito umano. Il secondo la Collina di Hermes, realizzato nel 2018 nell’ambito dei lavori di recupero e rifunzionalizzazione di Palazzo Citterio, in via Brera 12, in adiacenza all’Ortobotanico di Brera, dimostra come il lavoro dell’architetto Attilio Stocchi in stretta collaborazione con la Soprintendenza abbia rimesso in moto spazi di scarto, apparentemente abbandonati, restituendo alla città una nuova occasione di esperire appieno uno spazio che Brera e i suoi abitanti avevano dimenticato.
Alberi e numeri. I giardini della Soprintendenza, in “L’Architetto” Speciale VIII Congresso nazionale CNAPPC 2018, 5/6/7 luglio 2018, pp. 58-63.

Per saperne di più

Umbracula
A. Ranaldi, Umbracula e i due savi di Fausto Melotti, con Fulvio Irace, Attilio Stocchi (progetto del Padiglione), Italo Lupi (book design), Triennale di Milano – Soprintendenza di Milano, Corraini editore, Mantova 2016

Palazzo Citterio
A. Ranaldi, Paolo Savio, Annamaria Terafina (a cura di), Palazzo Citterio verso la Grande Brera, Skira, Milano 2018Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori